Luca Dueruote is creating Motorcycle trip videos, Scooter trip videos, Italy photos Vespa
0

patrons

$0
per month
If you can't stand still in one place and feel the irrepressible desire to explore the world, to see new places and learn about new cultures, you might be suffering from "wanderlust" syndrome, also known as the "traveler's disease".
In me it's now chronic, started this "uncontrollable desire to explore the world" in 2010 with my first Ducati.
Before that, with a Multistrada, I had never left more than 200km from home with the dozens of motos I had.
But now, my little Vespa moto has opened a new world for me.

No, my marvelous Ducati, I won't betray you.
I know you'll be there waiting for me in the company of my other adventure companions, but I'll be back and we'll leave together again. 
This is not a betrayal and I haven't forgotten you. It is only time to try and do something different. Yes, because as I have already told you, everything is too easy with you.

Tomorrow when you see me leave with the Vespa do not be sad, but wish us "good road".
Clara, the Vespa, sleeps by your side tonight, but strangely the bags are not on you. Tell her once again what we have seen together, and when we'll return, she will tell you about her adventures.

My life is, and has always been, on 2 wheels and on 2 wheels.

Italiano:
“Se non riuscite a stare mai fermi in un posto e sentite l'irrefrenabile desiderio di esplorare il mondo, di vedere luoghi nuovi e di conoscere nuove culture, potreste essere affetti dalla sindrome di wanderlust, anche conosciuta come la malattia del viaggiatore.”
In me ormai è cronica, iniziata questa “droga dell’irrefrenabile desiderio di esplorare il mondo” nel 2010 con la mia prima Ducati.
Prima di Lei, una Multistrada, non mi ero mai allontanato di oltre 200km da casa con le decine di moto avute, spesso missili e a volte mezzi sornioni.
Ma Lei mi ha aperto un nuovo mondo, la mia piccola Vespa. 

No, mia meravigliosa Ducati, non ti tradisco.
So che resterai lì ad aspettarmi in compagnia delle mie altre compagne d’avventura, ma tornerò e ripartiremo insieme.
Questo non è un tradimento e non ti ho scordata. È solo giunto il momento di provare a fare qualcosa di diverso.
Si, perché come ti ho già detto, con te è tutto troppo facile.

Domani quando mi vedrai partire con la Vespa non essere triste, ma auguraci “buona strada”.
Lei, la vespa, anche stanotte dorme al tuo fianco ma stranamente le borse non sono su di te. Raccontale ancora una volta quello che noi abbiamo visto insieme, e quando torneremo sarà lei a raccontare a te le sue avventure.

La mia vita è, ed è sempre stata, su 2 ruote e per le 2 ruote.



If you can't stand still in one place and feel the irrepressible desire to explore the world, to see new places and learn about new cultures, you might be suffering from "wanderlust" syndrome, also known as the "traveler's disease".
In me it's now chronic, started this "uncontrollable desire to explore the world" in 2010 with my first Ducati.
Before that, with a Multistrada, I had never left more than 200km from home with the dozens of motos I had.
But now, my little Vespa moto has opened a new world for me.

No, my marvelous Ducati, I won't betray you.
I know you'll be there waiting for me in the company of my other adventure companions, but I'll be back and we'll leave together again. 
This is not a betrayal and I haven't forgotten you. It is only time to try and do something different. Yes, because as I have already told you, everything is too easy with you.

Tomorrow when you see me leave with the Vespa do not be sad, but wish us "good road".
Clara, the Vespa, sleeps by your side tonight, but strangely the bags are not on you. Tell her once again what we have seen together, and when we'll return, she will tell you about her adventures.

My life is, and has always been, on 2 wheels and on 2 wheels.

Italiano:
“Se non riuscite a stare mai fermi in un posto e sentite l'irrefrenabile desiderio di esplorare il mondo, di vedere luoghi nuovi e di conoscere nuove culture, potreste essere affetti dalla sindrome di wanderlust, anche conosciuta come la malattia del viaggiatore.”
In me ormai è cronica, iniziata questa “droga dell’irrefrenabile desiderio di esplorare il mondo” nel 2010 con la mia prima Ducati.
Prima di Lei, una Multistrada, non mi ero mai allontanato di oltre 200km da casa con le decine di moto avute, spesso missili e a volte mezzi sornioni.
Ma Lei mi ha aperto un nuovo mondo, la mia piccola Vespa. 

No, mia meravigliosa Ducati, non ti tradisco.
So che resterai lì ad aspettarmi in compagnia delle mie altre compagne d’avventura, ma tornerò e ripartiremo insieme.
Questo non è un tradimento e non ti ho scordata. È solo giunto il momento di provare a fare qualcosa di diverso.
Si, perché come ti ho già detto, con te è tutto troppo facile.

Domani quando mi vedrai partire con la Vespa non essere triste, ma auguraci “buona strada”.
Lei, la vespa, anche stanotte dorme al tuo fianco ma stranamente le borse non sono su di te. Raccontale ancora una volta quello che noi abbiamo visto insieme, e quando torneremo sarà lei a raccontare a te le sue avventure.

La mia vita è, ed è sempre stata, su 2 ruote e per le 2 ruote.



Recent posts by Luca Dueruote